Bici ad Amsterdam: ari-pimp your bike, bici corbeille

IMG_7644

Tempo infame novembrino, una primavera che si è vista poco, un’ estate che si è persa per strada, anche se è una valle di lacrime miste a pioggia, qui ad Amsterdam per le bici non ci facciamo mancare proprio niente. Quella che vedete sopra è un esempio di bici floreale. Qualche anno fa, improvvisamente si sono cominicate a vedere per strada delle gran corbeille con una bici attaccata dietro.  Continue reading

L’ asta ittica e la lezione di cucina

DSCF1714

Sabato mattina mi alzerò all’ alba per andare qui

DSCF1733

A comprarmi questoDSCF1739

farmelo pulire da questo signore e i suoi colleghi (” Signora, mi fa guardare come sfiletta le sogliole, magari imparo per rifarlo a casa”. “Si, ma io l’ ho fatto per trent’ anni in fabbrica, non si faccia impressionare da me”.)DSCF1767

Perché questo posto non è nato per venderti del pesce, che in realtà già è venduto ai migliori ristoranti di Parigi, ma per insegnare una cultura del preparare e cucinare e mangiare pesce, quello vero con gli occhi e le squame, non dei filettini anonimi in pescheria coperti da una marinata del barattolo. E io che ci sono cresciuta in un paese di pescatori e dietro un quartiere di pescatori e con zia Maria ci scambiavamo cassette di pesce contro polli arrosto e cornetti appena sfornati sopra la rete che divideva i nostri giardini sul retro. E quindi mi sono sentita per la prima volta a casa in Olanda chiacchierando con questa gente di paesi di pescatori del mare del nord.DSCF1838

E poi verso le 11.30 mi porto tutto questo nella showroom di Arclinea per la nostra lezione di pesce. E poi pranzeremo. E ci berremo sopra il Pinot Grigio di Ongaresca. Se vi interessa, fatemi uno squillo allo +31-20-419 7484. (Quella nella foto è la catalana di gamberoni della lezione dello scorso anno).

Traffico scolastico

Non devo spiegare a nessuno come si complichi il traffico in una stradina che di suo sarebbe tranquilla, se non fosse che c’ `e una scuola e nelle ore di punta i genitori diventano pirati della strada. Io ho il terrore di parcheggiare male, fermarmi in doppia fila per far scendere i figli e contemporaneamente ho 15 minuti al giorno per deporne due in due zone diverse della città, il tutto in 15 minuti.foto

Che soddisfazione quindi ieri, quando sono arrivata e mi stavo giusto chiedendo come mai tutti i ragazzini più grandi avessero i gilet fluoresceenti, quando mi hanno consegnato un bigliettino di complimenti per aver parcheggiato bene. A quelli che potevano parcheggiare meglio ne hanno dato uno arancione. E tutto questo popò di controllo del traffico l’ ha messo su cugino preferito.

Buon weekend a tutti, noi fino al 5 luglio qui stiamo.

Ma dov’è un direttore responsabile quando serve?

ANCHE LE IENE MISOGINEHo saputo di un encomiabile servizio di parte delle Iene, che come tanti prima di loro assolvono degli stupratori ribaltando le responsabilità sulla vittima.

“si mette in dubbio una sentenza di colpevolezza per stupro aggravato, senza alcun elemento serio. Dunque sulla base di cosa? Del parere dei due condannati.”

Un saggio di giornalismo impeccabile, direi. Il punto non è che dobbiamo decidere chi in quel caso dice il vero o dice il falso. È che dobbiamo decidere come vogliamo porci collettivamente, come opinione pubblica, come persone, come esseri pensanti, di fronte ai crimini sessuali. Lo diceva ottimamente Lorenzo, che ho letto stamattina.

Se ne parla molto bene qui, con link a tutti quelli che hanno già discusso di questa questione, su questo blog.

A me viene da chiedermi solo una cosa, su questo come su tanti altri servizi in cui viene distorta la verità, comparsi sui media nazionali: ma dov’ è un direttore responsabile quando ce ne sarebbe bisogno?

Abbiate pazienza, è primavera, volevo chiedere a Scialba di illustrarci le sue opinioni sulla depilazione, e invece qui stiamo a cercare il pelo pubico nell’ uovo marcio. E io non posso stare zitta.

Pstfazione: E comunque sempre a proposito di direttore responsabile quando serve e quando c’ è, vi segnalo la splendida decostruzione di Lorenzo, su un caso diverso ma affine.

Bici ad Amsterdam: Pimp your bike

IMG_7519

Ho deciso di inaugurare una nuova rubrica di bici ad Amsterdam, visto che ce ne sono veramente di tutti i tipi. A volte vi mostrerò normali bici di produzione, ma pensate per usi speciali, altre volte i catorci fantasiosi, a volte delle botte di creatività di decorazione o utilizzo. Fate voi e ditemi che ve ne sembra. E se trovate anche voi delle bici fantasiose, mandatemele su orsovolante chiocciola gmail punto com che facciamo i confronti.

Cosa ve ne sembra di questa normalissima bici-carro da genitore trendy della cinta dei canali storici? Pratica, solida, sobria, senza foderine fuchsia di Hello Kitty, niente di che. Poi cambi angolazione.

 

IMG_7518
IMG_7520

E ti rendi conto che per trasformare il quotidiano in straordinario, a volte basta davvero poco. A bordo, verso nuove avventure.

Training di Stability Ball con Margherita Bencini il 15 giugno

Questo NON è un post sponsorizzato, è solo che Marghe mi ha salvato la schiena in un periodo in cui qualsiasi movimento e persino respirare mi causavano dolore. 

Margherita Bencini, che sarebbe la biondina nel video, è mia amica e ha un curriculum come ballerina, coreografa, trainer e esperta del corpo e dei suoi infiniti movimenti davanti a cui Mettersi sull’ attenti. Siccome la maggior parte del suo tempo la passa a fare training a danzatori, attori e training di Pilates (di cui ha sviluppato un suo metodo approvato dall’ associazione madre americana), faccio fatica a rimettermi ad allenarmi con lei.

Ed è un grosso peccato perché 5 anni fa, quando la mia schiena, che è sempre stata il mio punto debole, si è messa a protestare, refrattaria a qualsiasi trattamento, la rieducazione della postura che mi ha fatto Margherita è stata l’ unica cosa che mi ha rimesso in piedi. Ma non posso mettermi a fare i training con i professionisti, io che peso 95 kg e lo sforzo maggiore che faccio è prendere qualche volta la bici.

A quelli come me, che siano spinti da voglia di bikini o voglia di addominali o voglia di equilibrio o basta al mal di schiena, è dedicato questo workshop del 15 giugno, dalle 15 alle 16.30 presso Health Club Jordaan / In Motion Pilates Studio, 1e Rozendwarsstraat 10, Amsterdam, in cui apprendere una serie di esercizi base per migliorare forza, flessibilità, stabilità, coordinazione e postura. Il costo è di € 20 da versare sul conto numero 9544877 intestato a M. Bencini.

Informazioni e iscrizioni: kineticode@hotmail.com

Io non vedo l’ ora di andarci.