Come svuotare 5 generazioni di “roba” in casa inagibile

IMG_4341

Sono in Abruzzo per la (terza? quarta? ho perso il conto) volta perché svuotare una casa di famiglia in cui tutti hanno accumulato per diverse generazioni ha bisogno dei suoi tempi. Soprattutto psicologici. Vi lascio due foto durante questa connessione al volo, poi potete anche dare un’occhiata al mio blog Abruzzo nel cuore, in inglese. IMG_4351

Ieri ho buttato alcune scatole di chiavi del vecchio hotel dei miei genitori, ormai demolito da anni (‘Meno male che le butti tu queste cose, io non ce la faccio” dice mia madre).IMG_4317IMG_4316 IMG_4320 IMG_4322 IMG_4329 IMG_4333 IMG_4340

6 pensieri riguardo “Come svuotare 5 generazioni di “roba” in casa inagibile

  • 15 maggio 2015 in 2:59 pm
    Permalink

    Racconta mia madre che per mia nonna svuotare la casa della cognata fu un’esperienza dirompente. Aprire gli armadi di una famiglia della quale non era rimasto nessuno, dover gettare i ricordi del nipote scomparso prematuramente, la toccarono nel profondo. E quando tornò a casa sua, buttò tutto quello che aveva accumulato negli anni, compresi i regalini ricevuti dai figli quand’erano piccoli “Perché – disse – non voglio che qualcuno un giorno, sia costretto a fare ciò che ho fatto io”.

    Risposta
    • 19 maggio 2015 in 10:00 am
      Permalink

      Infatti è esattamente questo, che uno non butta tante cose che hanno valore solo per te. Per dirne una, mia nonna ha conservato per una vita la giacca indossata dal figlio quando è morto, la moglie aveva chiesto a lei di farlo perché non se la sentiva. L’ abbiamo fatto noi quando è morta nonna, e per fortuna mia madre lo sapeva e me l’ha detto, almeno per il ricordo. Io ho buttato in fondo pochissimo, solo le cose davvero da buttare, ma abbiamo libri, quaderni e registri di scuola dalla fine dell’800 in poi, come fare?

      Risposta
  • 15 maggio 2015 in 5:04 pm
    Permalink

    Quanto ti capisco.. Sembra che alla nostra generazione tocchi questo ingrato compito. Forse si aspettava di poter fare comodamente foto di quello che ci tocca buttar via. Anche io lo faccio 😉

    Risposta
  • 19 maggio 2015 in 6:06 am
    Permalink

    Barbara, sono abruzzese come te…non butterei mica le conche senza un’epica cantata??

    Marion

    Risposta
    • 19 maggio 2015 in 9:58 am
      Permalink

      Ma ti pare che le ho buttate? Piuttosto farò cremare tutta la famiglia a suo tempo per riciclarle come urne di famiglia 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: