PdO: i sostantivi del maschio in olandese

't mannetje

Come già visto con il temine gozer (che vi avevo citato qui e qui) e che significa :uomo”, ma deriva dal termine yiddisch per “sposo”, ci sono molti modi in tutte le lingue per definire genericamente una persona di sesso maschile. Noi abbiamo tizio, o tipo, o zio, o quello che vi pare (e che mi direte nei commenti), io vi faccio il solito elenchino ragionato dei termini usati in olandese per parlare di, o rivolgersi a un uomo.

Cominciamo con man = uomo, e tutti i suoi derivati: mannelijk = maschile o mannelijkheid = mascolinità. E come diminutivo abbiamo mannetje = ometto, ma in un significato specifico: quello dell’ ometto tuttofare che aggiusta tutto. E infatti ad Amsterdam e Haarlem abbiamo due negozi di biciclette che si chiamano così, come vedete in foto.

Man però significa anche “marito”, così eliminiamo in una botta sola anche la differenza tra: “ti presento mio marito” e “ti presento il mio uomo” e non ci si pensa più.  Sinonimi del man-marito sono: echtgenoot = coniuge, gade, eega e gemaal che vanno più in direzione di compagno di vita, consorte (Prins-gemaal è il principe consorte, per esempio), manlief, mannie, wederhelft = l’altra metà.

Poi c’è kerel o vent, baas, basserool, bink (ketelbink nelle navi o macchine a vapore era il ragazzino che a caldaia spenta riusciva ad infilarcisi dentro per pulirla, il garzone del macchinista o il mozzo, insomma. Vedete anche la canzone strappalacrime sotto). broger, gast, heer, heerschap, kadee, kerel, kinkel,manspersoon, meneer, mijnheer, pief (spesso: een hoge pief = un pezzo grosso) snuiter (o rare snuiter, un tipo strano), gozer, kastaar, klant, knaap, knakker, knul, man, pee, peer ( o toffe peer = un tipo figo, interessante), postuur,  vrijer. Ad Amsterdam dicono anche gast, che significa ospite ma equivale a “tizio”. Per i ragazzini (pestiferi) si può anche dire gassies. 

Maat o mattie, makker, gabber = amico, compagno, fratello,Maat anche marinaio.

Vi lascio quindi con Ketelbinkje, un classico dei canti da marinaio sul piccolo mozzo che da Rotterdam morì in mare.

 

3 pensieri riguardo “PdO: i sostantivi del maschio in olandese

  • 9 aprile 2016 in 8:59 am
    Permalink

    C’è poi l’espressione: zijn mannetje kunnen staan per definire qualcuno in grado di sapersi difendere, tener fuori dai guai, detto soprattutto di donne e ragazzine/e.
    Poi se senti qualcuno dire di un altro: hè, wat een mannetje! il tipo a cui ci si riferisce è uno anche troppo deciso, anzi, arrogante, presente in modo fastidioso.

    Risposta
  • 11 aprile 2016 in 7:35 am
    Permalink

    Interessante. Il mio ‘gozer’ chiama i bambini rakker/rakkertje e kleine boef o boefje.. Da quel che ho capito è paragonabile a monello, giusto? Ci sono altre sfumature? ….o per i bambini ci sarà un’altra pdo? 😉

    Risposta
    • 11 aprile 2016 in 9:57 am
      Permalink

      Chiedi il divorzio, subito! (scherzo, ovviamente). Si, rakkertje e boefje si usa tipo birba, cose del genere (lo dicono anche ai cani, anzi, il cane dei miei suoceri si chiamava proprio Rakker). OK, vada per un prossimo PdO, aggiudicato, appena ho abbastanza materiale.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: