100 anni di Wim Sonneveld: “De dorp” e altro

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come sanno i miei corsisti di olandese Wim Sonneveld è stato un artista, cabaretier e cantante che ha lasciato una traccia fortissima nella cultura popolare dei Paesi Bassi. Ancora oggi le sue canzoni sono famosissime, e visto che questa settimana se ne festeggiano i 100 anni dalla nascita con libri, convegni e omaggi, voglio condividere con voi alcuni dei suoi brani più famosi.

Ci sono solo due canzoni olandesi che mi fanno piangere dalla commozione e uno è Het dorp, che viene considerata anche la sua canzone più famosa. Si tratta della traduzione di una chanson francese e inizialmente, quando il suo partner gliel propose lui neanche era molto convinto. Invece proprio perché ha un tema così riconoscibile, alla fine è diventata quella più amata da tutti.

Fondamentalmente è un omaggio nostalgico al villaggio della sua infanzia, ormai irrimediabilmente cambiato, come è cambiato il posto della nostra infanzia un po’ per tutti, ma le frecciatine sul “progresso” che ha avuto luogo, con il buffet decorato con rose di plastica, le case che sono scatole di cemento e la gente che guarda i quiz alla TV.

“Io ero un bimbo e non potevo sapere, che tutto questo sarebbe finito per sempre”.

Enjoy. Quando avrò finito di piangere vi proporrò altri brani di Sonneveld, che ha l’innegabile vantaggio di avere una pronuncia molto chiara e articolata, e quindi ottimo per chi sta facendo di olandese.

PdO: Spargo (si, erano olandesi)

Ma vi rendete conto che solo dopo 21 anni di matrimonio ho scoperto che gli Spargo erano olandesi (si, hanno persino la voce Wikipedia in italiano, e non, per dire, in inglese, vorrà dire qualcosa)? Chi come me è stato adolescente negli anni ’80 sarà si cresciuto con The Day After, Chernobyl, il buco nell’ozono che ci avrebbe fritti tutti e un sacco di roba apocalittica che andava curata a botte di Naj-Oleari, capelli cotonati e spalline da supereroe nel tailleur, ma non può essere che non abbia mai sentito You and me degli Spargo.  Che in fondo il funk-disco-pop, per chi non si suicidava ascoltando i Cure e gli Smiths, era pure un rimedio all’ angoscia esistenziale del futuro post-atomico. Continue reading