PdO: le parole degli ebrei nell’olandese

Moltissime parole in olandese, in particolare le espressioni tipiche di Amsterdam, vengono dallo yiddish e dall’ ebraico. Questo grazie alle tante diaspore ebraiche nei secoli verso la capitale, e al fatto che gli ebrei di Amsterdam sicuramente fino alla metà del 19esimo secolo parlavano il cosiddetto West-Jiddisj. Lo stesso soprannome della città di Amsterdam, Mokum (Alef)  viene dalla parola yiddish che significa “luogo”, quindi luogo A (e infatti per un periodo anche Rotterdam veniva definita Mokum Resh, ovvero “il luogo R”).

Questo mi è venuto in mente quando qualcuno, a proposito del testo di “Annie” che vi ho presentato qualche giorno fa mi ha chiesto se fosse cantata in un qualche dialetto. Sicuramente è molto Amsterdams e ci sono alcune parole tipiche del dialetto di qui, derivate direttamente dallo yiddish e dall’ ebraico. Ve ne faccio una piccola lista incompleta e commentata.

Tenete presente che quando si parla di dialetto di Amsterdam, per gli amici Plat Amsterdams, ci si riferisce di solito a certe peculiarità nella pronuncia delle vocali, all’intonazione, e soprattutto a parole importate da quelle che sono state le due “lingue” più importanti nella storia della città: il Bargoens che era la lingua segreta dei ladri, di cui vi parlerò in un’ altra occasione, e appunto lo Joods-Duits, che era la lingua dei quartieri ebrei. Molte di queste parole poi da Amsterdam sono passate nell’olandese standard.

Bajes = galera, da bajit = casa (eh si, ci sono quelli che in galera ci sono di casa. Infatti la casa circondariale di Bijlmer, vicino alla stazione Amstel, si chiama qui de Bijlmer bajes)

Bolleboos: uno bravo a fare qualcosa, anche un furbone, da balboos = capofamiglia

Daar ga je: si dice nei brindisi, se lo vogliamo tradurre letteralmente dall’ olandese all’italiano sarebbe: evvài. In realtà quasi nessuno sa che come suono deriva da lechajiem = alla vita.

Gabber:  dallo yiddish chavver = amico, compare. Il bello è che negli anni ’90 questo è diventato il nome di una subcultura giovanile, con annessa variante di musica house, il gabberhouse. Il nome viene dal produttore di musica house D-Shake, e i festival più famosi erano Thunderdome en Masters of Hardcore. Il gabber si riconosce(va) dalla seguente uniforme: tuta Australian e bomber, scarpe Nike Air Max con i lacci messi in un modo loro particolare, i maschi con la testa rasate e le femmine con una coda stretta dietro, entrambi a volte con la parte inferiore dei capelli rasata. Siccome erano un po’ burini, li si chiamavano anche Sjonnie e Anita, che sono rimasti un po’ come nome popolare di un certo tipo umano bianco olandese. Così come ora Henk e Ingrid vengono definiti i tipici seguaci dei politici xenofobi, ovvero l’ olandese bianco di livello socioculturale medio-basso che ha bisogno di certezze e Geert Wilders e il suo partito PVV gliele dà incolpando gli stranieri di tutto.

Gajes = ha due fonti, o da gojim = gentile, il non ebreo,  o da chajjes = vita, che poi è diventato il popolino basso

Gedeisd houden: statti molto tranquillo, o anche: allineati e coperti. Dal Ladino deixe. In portoghese deixar = smettere, non fare niente, dal latino laxare

Gein = scherzo, battuta innocente, da chen = apprezzamento, piacere, anche geintje, lo dice spesso mio figlio

Gotspe = sfacciataggine

Gozer = un uomo, un tizio, dal chozen = lo sposo

Habbekrats = pochi soldi, un briciolo, un tozzo di pane, in espressioni come: hij heeft er een habbekrats voor betaald = l’ha pagato una miseria. Il bello è che è una parola mista: la prima parte viene dal Latino habeamus che usato come nome indica = soldi, ricchezza. Poi l’alto tedesco  Kratz = una piccolezza

Heb het lef niet om:  non avere il coraggio, le palle. Lew significa cuore, ardire.

Hoteldebotel = sottosopra, innamorato pazzo, fuori di testa (ma spesso in senso buono), da awar oewoteel = andato via, scomparso dal mondo

Jajem = vino, bevanda forte, nelle storie per bambini il rhum dei pirati, da jajien = vino

Jatten = rubare dalla parola ebraica jad – jadájiem = mano – mani

Joetje = una moneta da 10 (d’oro, originariamente) dalla lettera jod = la decima dell’alfabeto ebraico

Jofel = buono, bello, da jopheh = piacevole, utile

Kapsones = montarsi la testa, s’è fatto i soldi e non saluta più, come in kapsones hebben

Kift = dal tedesco Gift attraverso lo yiddish: gelosia, invidia.

Kits = nell’espressione “alles kits”, dal tedesco gutes attraverso lo yiddish: tutto bene, in genere usato come frase di saluto

Koosjer = a posto, da kosher = puro, approvato,  si usa in espressioni dubitative, una cosa che non è koosjer vuol dire che ti puzza, che c’ è qualcosa che non ti convince o non ti dà fiducia

Lou loene = niente di fatto nessun risultato, viene da un salmo, pare

Mazzel = o anche de mazzel, è un augurio di buona fortuna, viene da mazel tov 

Meier = ci si chiamava la banconota da cento fiorini da meia = cento

Mesjokke = dallo yiddish per pazzo (vedi anche in inglese mesjogge) prende attraverso il bargoens il significato di matto, svalvolato

Nebbisj = sfigato

Penoze=  è il mondo dei criminali, da cui anche una famosa serie televisiva che si chiama Penoza da parnose = mezzo di sopravvivenza, mantenimento, lavoro

Pietsje = un pochino, un cincinino, un tantino, dal tedesco Bisschen attraverso lo yiddish, anche come:  een ietsje pietsje

Ponem (o porem) = faccia, muso

Ramsj = è quello che si compra dal rigattiere, robetta o robaccia, a seconda dei punti di vista, quindi se lo compri dal ramsj significa un acquisto d’occasione, ma anche di poco valore. In de ramsj sono i libri destinati al macero che vengono venduti a poco, e per estensione anche: in svendita. Comunque deriva da un termine che indicava un’accozzaglia di merci buttate lì

Schlemiel  = sfigato, poveraccio

Sjofel = povero, misero, dall’ebraico safal = limitato, basso

Smeris = sbirro, pula dalla parola yiddish sjemiere = sorvegliare, controllare. La madre di una mia amica diceva che per liberarti dai pappagalli ai suoi tempi gli dovevi dire: “Mijn vader is smeris”, cioè che tuo padre era un poliziotto

Smoezen, smoesje = scusa, pretesto, dalla parola yiddish  schmues = voce (di popolo), messaggio

Sores = pensieri, sfortune, da tsarot = difficoltà

Stennis maken = insospettire, dalla parola yiddish sjtannes = sospetto che deriva dall’ebraico  esjtonot = pensieri intenzioni

Stiekem = segretamente, dalla parola yiddish = silenzio  “stilte”, dall’ebraico sjetiqa = tacere

Tof =  figo, da tov = bene, buono

Insomma, spero di avervi chiarito un po’ di termini che si sentono in giro. Certamente non è una lista esaustiva, ho anche lasciato fuori termini che non conoscevo o riconoscevo, diciamo che se li conosco io, li conosce anche l’Amsterddammer medio. Così adesso li conoscete anche voi.

Aggiornamento: ho anche trovato questo articolo in olandese su 50 parole yiddisch

4 thoughts on “PdO: le parole degli ebrei nell’olandese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *