IMG_0587

Figlio 1 ieri è partito per 5 giorni di campo-lavoro con la nuova scuola superiore. Si conosceranno meglio, si scaferanno, faranno discussioni profonde con l’ insegnante che li segue come mentor e pochi altri. Scriveranno una cartolina collettiva alla compagna che hanno visto per pochissimi giorni prima che la ricoverino, operino, ingessino per il tumore alle ossa che ha, e che la terrà lontana da scuola per otto settimane.

Ieri sul piazzale, insieme all’ unica altra madre che già conoscevo, ci siamo date di gomito: per lei era proprio una vacanza, una settimana con una figlia sola, e forse anche per me.

Con Orso a casa abbiamo fatto il minestrone con le verdure del suo orto scolastico che aveva riportato: l’ ha fatto lui, secondo la sua ricetta, io ho solo sbucciato una patata. era buonissimo.

Alle 17.30 lui aveva fame, io avevo scoperto che figlio 1 è riuscito a dimenticarsi il sacco a pelo nuovo, comprato apposta, e chissà  come farà, che maschio alfa è rientrato anche prima dall’ ufficio per vedere se  era il caso che io mi facessi tre ore avanti e indrè per portarglielo. E la mentor, consultata telefonicamente, ha detto di non preoccuparci, che ci sono coperte e che al massimo doveva affittare un lenzuolo di sotto.

“Ho fameeeeeeeee” urlava figlio piccolo, che siccome è distratto si scorda di mangiare e poi gli viene l’ attacco tutto insieme.

“Apparecchia che la tua minestra è pronta”.

“Piatti fondi o piani?”

“Fondi”.

“Quattro piatti fondi”.

“No, tre. Ennio è al campo, non torna fino a venerdì”.

Poggia i piatti sul tavolo con aria esterrefatta. Ci pensa un attimo.

“Ma allora fino a venerdì io sono single?”

Ne toglie uno e apparecchia.

Poi ha dormito lui con il padre nel lettone, perché tutto solo al piano di sopra mmmmh, non era molto convinto.

4 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.